Tatuaggi su Maradona: guida e immagini

diego-armando-maradona“Se stessi ad un matrimonio con un vestito bianco e piombasse un pallone infangato, lo stopperei di petto senza pensarci”

Dopo questa frase non ci sarebbe neanche bisogno di spiegare il perchè coloro che amano questo spettacolare numero 10, abbiano deciso di imprimerlo sulla loro pelle senza pensarci due volte.

A pensarci bene anche uno juventino – con tutto rispetto per chi è juventino – , sarebbe un pò invidioso di non aver avuto uno come Lui nella sua squadra del cuore.

Campione divino, ineguagliabile insegnante del pallone,  simbolo per una città, orgoglio per una nazione ma soprattutto provocatorio e passionale, in tre parole Diego Armando Maradona.

E poi inchiostro, colori vivaci, e più di ogni altra cosa aghi e tattoo machines e non importa se nel mentre c’è il dolore: il tatuaggio di Maradona sta diventando sempre più popolare ogni giorno che passa.

Questo leggendario fantasista è una vera e propria leggenda vivente. La sua aura si sente all’ interno del campo e in ogni angolo del mondo, in ogni stadio vuoto ci sarà il ricordo di un uomo che ha reso internazionale il nome di una città quale Napoli.

Il tatuaggio del Pibe d’Oro: continuità e ricordo

Venite per un giorno a Napoli e provate a chiedere a chiunque vi passi accanto cosa rappresenti per lui Maradona! A meno che non incappate in un juventino nell’animo – con tutto rispetto sempre per gli juventini -, solo coloro che hanno amato il Pibe d’Oro come un dio sanno cosa significa incidere sulla pelle il suo volto e il suo corpo.

Tatuarsi Maradona è far diventare un braccio, una gamba o una schiena una sua casa, una cassaforte dove mettere le cose più preziose, quasi un suo tempio per ricordarlo, o un diario in un certo senso, come quello che usavano i marinai.

Anzi, è un po’ come scrivere per sempre la sua e la nostra storia sul corpo.

I tifosi e gli amanti di questo calciatore vogliono un suo segno, vogliono vedersi incidere i suoi capelli neri, onde ribelli come prolungamento del suo genio e della sua amata sregolatezza.

Perché tatuarsi Maradona?

Ora venite di nuovo a Napoli e provate a chiedere ad un napoletano perchè si tatua Maradona – sempre se non vi imbattete nel solito juventino – e la risposta sarà solo una: il forte senso di “patriottismo” o presunto tale, per voler rimarcare il legame non solo con la propria squadra ma anche con il calciatore, come dire “io sono napoletano, devo amare Maradona e per questo me lo imprimo sulla pelle”.

Linee nette e pulite ma che esprimono forza ed eleganza; pochi colori ma due fondamentali ossia il bianco e l’azzurro. Tatuarsi Maradona è, diciamolo, un simbolo come il Che Guevara, un esempio di anticonformismo.

E così con colori e linee morbide, con sfumature e tecniche realistiche, il tatuaggio del nostro campione si trasforma e diventa anche una bellissima storia d’amore, di fede e di coraggio.

Anche se, dopotutto,  potrebbe essere qualsiasi cosa:  amore, passione, legame, patriottismo, non importa, l’importante è che ci sia.

Maradona come tatuaggio realistico

Quando decidiamo di fare un tatuaggio di una persona, vogliamo che sia quanto più vicino ” a come mammà l’ha fatto”.

In effetti, l’arte del tatuaggio realistico non è semplice: essendo copie della realtà devono rappresentare il soggetto tenendo conto di tutti i tratti distintivi e spesso sarà compito dell’artista evidenziare anche i segni particolari per rendere il tatuaggio quanto più vero possibile.

Questo tipo di tatuaggio è inoltre caratterizzato dall’ assenza di linee di contorno e dall’ impiego di più livelli di colore, per garantire verosimiglianza e profondità.

Quando vediamo un volto di Maradona o la sua persona tatuata, notiamo applicate tutte le tecniche del tatuaggio realistico.

Più l’artista sarà bravo, più vicino alla realtà sarà il tatuaggio. E proprio mentre vediamo tatuato Maradona che esulta, Maradona che bacia il pallone o che corre dietro ad un pallone, semplicemente vediamo inciso un eroe verso il quale molti avevano riposto fiducia, come se fosse un salvatore mandato sulla terra. Oggi diremmo che gioca come fosse la playstation!

Il suo tatuaggio non è altro che un modo per rendere indelebile il suo momento:  il periodo d’oro che per chi lo ha vissuto, lo stravolgimento degli equilibri del calcio italiano, momento magico che ha riportato al sud la capitale del calcio stesso.

 

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Passionetattoo.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons