Tattoo rimovibili e allergia: aiuto!

Un tatuaggio rimovibile è un’ottima scelta se si desidera adornare il proprio corpo per alcuni giorni, senza però farsi carico di un disegno impresso sulla pelle da portarsi dietro tutta la vita.

La colorazione usata per i tattoo non permanenti è quasi universalmente l’henné, pigmento vegetale molto efficace, utilizzato anche per tingersi i capelli senza ricorrere a prodotti chimici e aggressivi.

Si tratta inoltre di una scelta sorretta da secoli e secoli di tradizioni, soprattutto africane e asiatiche, dove l’usanza di decorarsi parti del corpo con disegni e motivi all’henné esiste da sempre.

Nonostante tutto ciò appaia molto rassicurante, viene ugualmente da chiedersi se si possano incontrare problemi nel farsi applicare un tatuaggio rimovibile.

Il pensiero corre subito al rischio imprevedibile per eccellenza: l’allergia!

Tatuaggi temporanei: si può essere allergici?

È impossibile rispondere univocamente alla domanda qui sopra, proprio come lo è per qualunque altro oggetto: una reazione infatti può manifestarsi anche in età matura, quando ormai non ci si aspettava minimamente che fosse possibile.

Certo, avere ben chiara la propria storia medica precedente aiuta, ma l’imprevisto è tale per definizione.

I rischi certamente sono bassi, ma occorre essere consci che l’eventualità esiste.

La questione non riguarda tanto l’henné in sé, quanto gli additivi che solitamente vengono aggiunti ai tattoo temporanei per farli durare più a lungo (dieci-quattordici giorni, contro i due o tre della semplice henné non diluita), oltre che per scurire e trasformare il disegno da rossiccio a tendente al nero.

Il più famigerato di tutti è il PPD, il quale, spesso, non viene nemmeno indicato sui contenitori in uso.

Cosa fare in caso di reazione allergica

Tenendo conto di queste informazioni, cosa bisogna fare se per un malaugurato caso dovessimo avere una reazione allergica a un tattoo temporaneo?

Se ci sembra che la pelle si gonfi, si arrossi, se si avvertono pruriti eccessivi nella zona del tatuaggio o se la si sente molto calda per diverse ore, potrebbe effettivamente trattarsi di allergia.

Occorre rivolgersi subito a un medico o, nei casi più gravi, a un pronto soccorso.

Per qualunque dubbio specifico, chiedi consiglio a un dermatologo di fiducia, saprà rispondere a ogni tua curiosità tenendo conto della tua situazione individuale!

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Passionetattoo.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons