Tattoo: perché il tatuatore usa i guanti

Il mestiere del tatuatore racchiude in sé diversi aspetti. Richiede abilità nel disegno, grande manualità, precisione, creatività e ingegno. Allo stesso tempo, il tatuatore deve prendere numerose precauzioni per salvaguardare la salute del cliente.

Per questo è necessario seguire alcune regole fondamentali di igiene come: la sterilizzazione degli strumenti, l’uso di aghi monouso, la sanificazione dell’ambiente e delle superfici e, ovviamente, l’uso di dispositivi di protezione quali mascherine e guanti.

Quest’ultimi, in particolare, sono un importante strumento di protezione da possibili rischi per la salute non solo del cliente ma anche del tatuatore stesso. Vediamo quali guanti e perché si utilizzano.

Guanti per tatuatore

Il guanto è un presidio medico chirurgico fondamentale per il tatuatore, è monouso, va cambiato in caso di strappi o fori e deve essere preceduto da un’accurata pulizia delle mani. In commercio esistono guanti di materiale diverso, come il lattice e il nitrile.

Il lattice è facilmente reperibile, resistente e molto elastico, permettendo al tatuatore di lavorare in libertà, ma è anche un materiale altamente allergico che ne limita quindi l’utilizzo.

Per questo spesso si utilizzano guanti in nitrile che garantiscono resistenza ed elasticità senza causare allergie.

Esistono infine anche guanti in vinile, super robusti e con minor rischio di lacerazione. Tuttavia essi tendono a ridurre la sensibilità del tatuatore che quindi potrebbe avere problemi nel maneggiare gli strumenti e nel realizzare il tatuaggio.

Guanti per tatuatore: perché sono importanti

Uno dei motivi principali è l’igiene. Sulle nostre mani, infatti, si depositano vari microrganismi potenzialmente dannosi per la salute che, in contatto con la pelle del cliente lesionata dall’ago, potrebbero causare infezioni più o meno gravi.

Per questo motivo, il tatuatore deve igienizzare le mani per bene, coprire eventuali ferite, indossare guanti monouso, sostituirli in caso di lacerazione ed evitare il più possibile (durante la realizzazione del tattoo) di maneggiare oggetti poco igienici come denaro, tastiere, pulsanti o telefoni.

Infine, il guanto è uno strumento di protezione per il tatuatore poiché protegge la sua pelle dall’inchiostro che utilizza sul cliente e che potrebbe quindi macchiarlo.

In conclusione, prima di effettuare un tatuaggio è necessario seguire queste regole affinché il lavoro avvenga in sicurezza e nel pieno rispetto dell’altro.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Passionetattoo.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons