Diventare tatuatore: gli step da seguire e l’iter

Per diventare tatuatore non basta essere creativi o possedere talento nel disegno. Per esercitare questa professione bisogna seguire un iter ben preciso. E ci sono alcuni step obbligatori e necessari per iniziare questo mestiere.

Se volete intraprendere anche voi la carriera come tatuatore, ma non sapete come fare, non vi preoccupate. Oggi vi spiegheremo quali sono i passi fondamentali da seguire per diventare tatuatori e realizzare il proprio sogno!

Diventare tatuatore: la formazione professionale

La professione del tatuatore rientra nella categoria degli artigiani e nel 1998 è stata regolamentata dal Ministero della Sanità con la seguente circolare:

La Circolare 05.02.1998 n.2.9/156 stabilisce che bisogna seguire un corso professionale regionale del totale di 90 ore, suddiviso in 60 ore di teoria e 30 ore di pratica.”

Durante le 60 ore di teoria è obbligatorio apprendere le seguente tematiche: le regole relative all’igiene, alla sicurezza e gli aspetti tecnici della professione.

Il corso prevede anche un esame finale e se superato con successo viene rilasciato una certificazione. Questo corso di formazione regionale è obbligatorio e prevede un costo tra i 1.600 e i 1.800 euro.

Professione tatuatore: l’apprendistato

Dopo il corso di formazione è necessario proseguire il proprio corso formativo con un apprendistato presso uno studio professionale di tatuaggi. Così si possono apprendere tutte le sfumature del mestiere.

È opportuno anche dedicarsi ad ulteriori corsi di formazione o specializzazione, chiamati master class, che regolarmente vengono organizzati da tatuatori professionisti nazionali ed internazionali presso le scuole per tatuatori.

Una volta acquisita la certificazione e svolto l’apprendistato, il tatuatore ha diverse possibilità per avviare la propria attività professionale. Può scegliere di aprire il proprio studio o lavorare come dipendete o come free lance presso altri studi.

Ricordiamo che per esercitare la professione da tatuatore è necessario avere il certificato regionale.

Questo certificato serve alle altre attestazioni, in quanto vi fornisce le conoscenze necessarie sulle norme igienico-sanitarie e su come comportarsi in caso vi siano complicanze durante l’esecuzione del tatuaggio.

Chi esercita la professione senza aver conseguito i corsi necessari, rischia di andare incontro a pesanti sanzioni da parte delle autorità competenti. Poiché chi non possiede il certificato regionale viene considerato un tatuatore abusivo.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Passionetattoo.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons