Croste sul tatuaggio: come trattarle

tattoo crosteUn tatuaggio non è finito fino a quando non sarà stata portata a termine la guarigione. La convalescenza, a seconda del tatuaggio, può impiegare tra le 3 e le 4 settimane e, durante questo periodo, non è assolutamente raro trovarsi ad avere a che fare con le croste.

Sì, tutta l’area del tatuaggio può ricoprirsi di croste che sono in tutto e per tutto simili a quelle che abbiamo quando ci facciamo una ferita. Ma a cosa sono dovute?

Come possiamo trattarle? Sono segno che qualcosa è andato storto? Vediamolo insieme.

Le croste sono normali

Le croste sono una reazione del tutto normale durante la convalescenza del tatuaggio. Questo vuol dire che non dovremmo affatto preoccuparci nel caso in cui dovessero comparire su tutta o su una parte del tatuaggio.

In questi casi saremo noi che dovremo fare qualcosa per migliorare la situazione, andando ad aiutare comunque il nostro corpo a guarire, nonostante si tratti poi di un fenomeno naturale.

Importantissima l’idratazione

Le croste possono essere anche segnale che il nostro tatuaggio non è idratato correttamente e/o a sufficienza. Se il vostro tatuatore vi ha dato una crema da utilizzare, spalmatela sul tatuaggio almeno un paio di volte al giorno.

Mentre però spalmate, e di questo parleremo tra pochissimo, dovreste fare attenzione a non staccare le croste.

Mai staccare le croste

Dovremmo fare attenzione comunque a non staccare le croste, dato che sono parte fisiologica della guarigione e vanno dunque, possibilmente, lasciate lì dove sono. Nel caso in cui dovessero pizzicare eccessivamente, non grattiamole via, ma utilizziamo una crema emolliente adatta ai tatuaggi per andare ad ammorbidire tutta l’area. Se la zona è idratata a sufficienza, non ci saranno problemi, né di prurito né di bruciore.

Occhio alle bolle

Nel caso in cui ci fossero delle bolle nella parte sottostante la crosta, potremmo essere di fronte ad una reazione allergica, che dovremmo trattare con la massima urgenza. In quel caso è assolutamente necessario rivolgersi ad un dermatologo che, una volta svolte le appropriate diagnosi, vi indicherà il percorso terapeutico per circoscrivere il problema.

Le croste da sole non sono un problema: facciamo però attenzione a tutta l’area circostante, dato che potremmo essere in presenza di situazioni ben più problematiche.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Passionetattoo.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons