Tattoo: come scegliere il primo

La scelta del tatuaggio è un momento eccitante, ma può anche creare alcuni problemi, soprattutto tra le persone più dubbiose e indecise. Solitamente quando si decide di fare un tatuaggio, si sa già più o meno cosa si andrà a imprimere sulla pelle.

Ma il primo in assoluto potrebbe richiedere qualche pensiero in più. Ci si sofferma su qualcosa di importante, come un nome o la data di nascita di persone care. Delle volte potrebbe essere una frase amata, come un motto o una citazione.

Altre volte semplicemente si pensa di tatuarsi un certo soggetto semplicemente perché è bello e ci piace. Vediamo quindi come comportarsi se si sta per fare il primo tattoo e come compiere la scelta giusta.

Tatuaggio: un segno indelebile

Facciamo una premessa semplice, ma spesso sottovalutata: il tattoo è una decorazione permanente, per cui se si è incerti a riguardo meglio valutare la possibilità di un tattoo semi-permanente. Se si vuole un tatuaggio permanente, allora, bisogna poi decidere se farlo nero o colorato. L’uso di inchiostri dai pigmenti colorati, infatti, può far schizzare il costo del tattoo.

Per quanto riguarda lo stile, bisogna seguire quello che è il proprio gusto personale. C’è la corrente Old School, molto in voga negli ultimi anni, con soggetti simbolo del mondo navale come sirene, marinai e ancore.

Se si ama il colore, ma si desidera uno stile più elegante, mai fare a meno dello stile giapponese. Tatuaggi definiti nei minimi dettagli, con sfumature e linee impeccabili. Per ottenere l’effetto desiderato, è sempre consigliato rivolgersi ad un esperto dello stile.

Cosa e dove farlo

Una volta scelto lo stile, bisogna cercare tra i soggetti quello più rappresentativo. Oppure, se c’è un disegno simbolico per voi, magari anche uno schizzo fatto da voi stessi, mostratelo al tatuatore e decidete insieme come realizzarlo.

La posizione dipende dalle dimensioni del tattoo, ovviamente, ma anche da quanto volete mostrarlo, o dalla possibilità di avere problemi a lavoro in caso sia troppo esposto.

Se si è particolarmente sensibili e l’ago fa una certa paura, ragionate sul punto da scegliere, non dimenticando che in alcune zone del corpo il tatuaggio è più doloroso. Tra queste le terminazioni dei nervi e le ossa.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Passionetattoo.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons